NEWS

Contributo della Commissione europea alla fornitura di assistenza medica urgente all’Ucraina

La CE sta lavorando con SM, operatori sanitari, ONG, altre agenzie dell'UE e organizzazioni internazionali

In un’intervista John F. Ryan, vicedirettore generale dell’UE e direttore della salute pubblica, afferma che la crisi in Ucraina sta sconvolgendo l’assistenza sanitaria essenziale. Pertanto, la Commissione europea sta coordinando gli sforzi con gli Stati membri, gli operatori sanitari e le ONG e collabora con altre agenzie dell’UE e organizzazioni internazionali per fornire assistenza medica urgente.

La DG SANTE sta collaborando con i ministeri della Salute attraverso il comitato per la sicurezza sanitaria dell’UE, che si è riunito periodicamente per analizzare la situazione e individuare il modo migliore per fornire sostegno. Gli Stati membri si sono già impegnati ad assistere l’Ucraina, offrendo alloggi di emergenza, medicinali, dispositivi medici, dispositivi di protezione medica, prodotti emoderivati e ambulanze. Gli Stati membri stanno inoltre mobilitando squadre mediche e si sono offerti di curare nei loro ospedali i pazienti ucraini feriti. Li abbiamo inoltre incoraggiati a inviare ossigeno e zeolite, un componente utilizzato per produrre ossigeno.

Il comitato per la sicurezza sanitaria ha stabilito la disponibilità nell’UE di posti letto nelle unità ospedaliere e nelle unità di terapia intensiva, le capacità chirurgiche e il trattamento delle ustioni e ha verificato le modalità di trasporto dei pazienti in situazioni di emergenza nei rispettivi Stati membri. Il comitato per la sicurezza sanitaria sta inoltre esaminando come garantire la continuità dell’assistenza alle persone che arrivano nell’UE, nel SEE e in Moldova dall’Ucraina. L’ECDC fornisce valutazioni dei rischi, che saranno ovviamente aggiornate in tempo reale.

La DG SANTE, inoltre, sta coordinando gli sforzi con le organizzazioni non governative (ONG), gli operatori sanitari e le associazioni di pazienti, le reti di riferimento europee, le reti trasfusionali e le organizzazioni per la salute mentale al fine di mobilitare risorse e aiutare sia i pazienti ucraini che quelli che entrano nell’UE dall’Ucraina.

La DG SANTE è a stretto contatto con tutti i servizi e le agenzie della Commissione, compreso il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC), che sostiene gli Stati membri dell’UE confinanti con l’Ucraina e la Moldova a gestire gli sfollati e fornisce sostegno e orientamenti in materia di COVID-19 e altre malattie trasmissibili.

Con l’Agenzia europea per i medicinali (EMA), DG SANTE, sta monitorando il possibile impatto sulla fornitura di medicinali nell’UE. L’EMA sta collaborando con la rete SPOC, che riunisce gli sportelli unici negli Stati membri per la gestione delle carenze, con l’obiettivo di raccogliere informazioni su potenziali perturbazioni e sui prodotti a rischio, e sia la DG SANTE che l’EMA stanno seguendo la situazione.

Per maggiori informazioni sulle modalità di lavoro della CE per fornire assistenza cliccare sotto su “ulteriori dettagli”.

NEWS E NEWSLETTER

EVENTI