NEWS

L’eHealth Network pubblica il documento “ePrescription & eIDAS integrated vision”

Scopo del documento è quello di contribuire a raggiungere una comprensione comune dei requisiti eHealth per il Portafoglio EUDI

Uno degli strumenti per realizzare l’obiettivo di consentire alle persone di accedere, condividere e controllare i propri dati sanitari elettronici è l’uso del portafoglio di identità digitale dell’UE, che potrebbe diventare un elemento chiave non solo per l’accesso ma anche per la condivisione dei dati sanitari in modo controllato dai cittadini. A tal fine, la salute è definita come uno dei casi d’uso prioritari per l’EUDI Wallet. Le persone potranno decidere quando, con chi e per quale scopo condividere i propri dati sanitari.

Lo scopo del documento è quello di aiutare a raggiungere una comprensione comune dei requisiti eHealth per il Portafoglio EUDI, descrivendo così un caso d’uso concreto relativo alla salute che contribuisca allo sviluppo tecnico del Portafoglio in modo che possa fornire efficacemente e senza soluzione di continuità le sue funzionalità in tutti gli Stati membri. Il documento presenta un caso d’uso concreto e completo, rappresentativo e allo stesso tempo d’impatto per il cittadino. La prescrizione elettronica è stata scelta come primo caso d’uso da supportare attraverso le funzionalità di eIDAS, aprendo la strada ad altri casi d’uso da supportare e migliorare nel prossimo futuro.

In particolare, il documento:

  • Determina i requisiti di business
  • Propone uno schema dell’approccio architetturale alla possibile soluzione;
  • Identifica gli attori dell’ecosistema wallet;
  • Definisce un percorso concreto dell’utente per il caso d’uso ePrescription;
  • Identifica i requisiti funzionali chiave per il portafoglio sulla base del percorso dell’utente.

L’accesso e il controllo dei cittadini sui propri dati sanitari sono attualmente limitati, nonostante sia riconosciuto come un diritto dell’UE.

Secondo la Bussola digitale 2030 della Commissione, entro il 2030 tutti i cittadini dovrebbero avere accesso alle proprie cartelle cliniche elettroniche e l’80% dei cittadini dovrebbe utilizzare una soluzione di identificazione elettronica. Come importante passo concreto verso il raggiungimento di questo obiettivo, il 3 maggio 2022 la Commissione europea ha adottato la proposta di regolamento sullo Spazio europeo dei dati sanitari.

Per ulteriori informazioni cliccare sotto su “ulteriori dettagli”.

NEWS E NEWSLETTER

EVENTI